HDK 28 † The valley of the forgotten secrets

by KOBOLD

supported by
PhallusDei69
PhallusDei69 thumbnail
PhallusDei69 Genius! I simply can’t get enough of KOBOLD. I demand a re-release of the tapes and I hear whispers of... wait, here comes another random encounter! Gotta get my axe out!
...
... Favorite track: The abyss horror.
behemothmm
behemothmm thumbnail
behemothmm This is my favourite kobold album. The soaring leads and awe inspiring nostalgic compositions make this third chapter proof that this project is far from just a gimmick. True adventuring feel.
Kalen Diamond
Kalen Diamond thumbnail
Kalen Diamond without a doubt one of my top Dungeon Synth releases. desperately want a repress of this. the composition and melodies are epic and adventurous. the minimalist chiptune sound is really comforting. Favorite track: Riding through the wildlands.
more...
/
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.

about

KOBOLD triumphantly returns with the third chapter of the the Black Priest's Saga, so...prepare your bag and sharpen your sword, we're starting back for adventure! In this last quest the adventurers will have to face a long and dangerous journey along a forgotten valley to definitively solve the mystery of the lost talisman.

O===[====================-

As always inspired by the soundtracks of the 8 and 16-bit CRPGs of the eighties and nineties, in this third album KOBOLD's music reaches peaks of stylistic and emotional perfection, dragging you into a world of magic and adventure where you will be trapped. Follow on the map the succession of the tracks and read in the booklet the development of the plot, for an even more engaging and complete experience!

O===[====================-

KOBOLD is once again a joyful tribute to Dungeons & Dragons as it was in the 80s, when we children of the Cold War spent many hours in dungeons exploration and in dice rolls...

credits

released December 24, 2018

Recorded by KOBOLD in his shabby cavern in summer 2018. As usual, the artwork of this release is a tribute to the old D&D artists of the 80s. The final part of "Three dangerous artifacts" is also a tribute to the song "A New Earth" by the norwegian pagan-band Einherjer. And thanks to Stefano Artibani for drawing some lizard men for us!

license

tags

about

Heimat Der Katastrophe Milan, Italy

DIY label focused on ambient punk, minimal-synth, dungeon-drone, wartime music and post-nuclear wave. Managed by a creative punx collective from Milano city.

contact / help

Contact Heimat Der Katastrophe

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Redeem code

Track Name: Riding through the wildlands
RIDING THROUGH THE WILDLANDS

The spring wind lashes our faces
as we ride to the borders of the civilized lands
watching the horizon, looking for answers

An enchanted valley, a mad hermit, gold coins:
fragmentary rumors that push us
to search for an epilogue to stories that began time ago

The majestic landscape of the wildlands is in front of us:
we know where we are headed but we ignore what we will have to face
once we cross the borders mapped by humans

Will we find any inestimable treasures
or the death of those who fell
lead by too much ambition and greed?

---

GALOPPANDO NELLE TERRE SELVAGGE

Il vento primaverile ci sferza il volto
mentre galoppiamo verso i confini delle terre civilizzate
scrutando l'orizzonte alla ricerca di risposte

Una valle incantata, un folle eremita, monete d'oro:
dicerie frammentarie che ci spingono
a cercare un epilogo a storie cominciate tempo fa

Il maestoso paesaggio delle terre selvagge ci si dipana innanzi:
sappiamo dove siamo diretti ma ignoriamo cosa incontreremo
una volta solcato il confine di ciò che è stato mappato dagli uomini

Ci attenderanno inestimabili tesori
oppure la fine dei molti che sono caduti
spinti da troppa ambizione e cupidigia?
Track Name: The inn at the edge of the world
THE INN AT THE EDGE OF THE WORLD

A silent inn
last civilized outpost
before the unknown

The innkeeper looks at us and says:
"If you are at the end of your journey, have dinner and rest.
But if you wanna go further, you're just crazy"

"We will do both things, each at the right time.
But now we need food!"
Fir answers, with a sardonic smile

"I saw a lot of adventurers like you:
And nobody came back alive! "
the innkeeper answers back.

"Well for now we are alive, so pour us a drink,
you have the whole evening to let us change our mind"
Bloodwyn stops the discussion
beating noisily on the floor
the handle of his waraxe

---

LA LOCANDA AI CONFINI DEL MONDO

Una silenziosa locanda
ultimo avamposto civilizzato
prima dell'ignoto

Il locandiere ci scruta e dice:
"Se siete giunti alla fine del viaggio, cenate e riposatevi.
Ma se volete andare oltre, siete soltanto dei pazzi"

"Faremo entrambe le cose, ciascuna a suo tempo.
Ma ora preparaci da mangiare!"
risponde Fir, con un sorriso sardonico

"Ne ho visti di avventurieri come voi:
Mai nessuno che sia tornato vivo!"
ribatte secco il locandiere.

"Beh per ora siamo vivi, versaci da bere,
hai tutta la sera per farci cambiare idea"
chiude il dibattito Bloodwyn
battendo rumorosamente sul pavimento
il manico della sua scure
Track Name: Surprised by wandering monsters
SURPRISED BY WANDERING MONSTERS

Left the horses at the inn,
we walk by foot in the morning sunshine
on the narrow path that climbs
into the forest along a stream

Suddenly... an ambush!
We are hit by slingshot bullets
A group of lizard men armed with spears come out from the trees

Viktor and Bloodwyn immediately close the ranks
supporting the impact with the humanoid reptiles.
The clash is fierce, they are fast and strong
but soon we gain advantage

The first lizard man is killed
by Garandir with a precise saber blow
the others fall under Viktor's sword,
Sarohma's mace and Bloodwyn's axe.

We are lightly wounded, but we're fine.
Fir, searching among the corpses, finds
a bizarre knife with a white curved blade.

He hesitates, then he takes it
and hangs it on his belt

---

SORPRESI DAI MOSTRI ERRANTI

Lasciati i cavalli alla locanda,
marciamo a piedi nel sole del mattino
sullo stretto sentiero che si inerpica nella foresta
costeggiando un torrente

Improvvisamente...un imboscata!
Veniamo colpiti da proiettili di fionda
Un gruppo di uomini lucertola irrompe armato di lance

Viktor e Bloodwyn serrano immediatamente le fila
reggendo l'urto del corpo a corpo con i rettili umanoidi.
Lo scontro è feroce, sono rapidi e forti
ma presto acquisiamo vantaggio

Il primo uomo lucertola viene abbattuto
da Garandir con un preciso fendente di sciabola
gli altri cadono rantolando sotto la spada di Viktor,
la mazza di Saroma e l'ascia di Bloodwyn.

Riportiamo qualche ferita, ma stiamo bene.
Rovistando tra i cadaveri, Fir ritrova
un bizzarro coltello dalla lama ricurva.

Dopo un attimo di esitazione, lo raccoglie
e se lo appende alla cintura
Track Name: The nocturnal crossing of the lizard men village
THE NOCTURNAL CROSSING OF THE LIZARD MEN VILLAGE

The lizard men village is the last barrier
before the narrow passage of the Dragon's Teeth
which leads into the valley

The humanoid reptiles are too many so we can't face them openly
our plan is to cross the village with the favor of the night
avoiding the main path, entering the heart of the forest

Our idea seems to work, the vegetation is thick but we move forward.
Then suddenly we come across a group of lizard men
hunting for preys in the night. We stop silently.

One of them suddenly comes out from the trees:
He notices us, seems surprised, we are armed and dangerous.
He is about to leave when he sees the curved blade
hanging from Fir's belt

He opens wide his eyes: he recognizes the knife and, indicating it,
anticipates our reaction by emitting an acute cry
that re-echoes in the darkness throughout the forest

We immediately understand to be in a great danger

---

LA TRAVERSATA NOTTURNA DEL VILLAGGIO DEGLI UOMINI LUCERTOLA

Il villaggio degli uomini lucertola è l'ultimo ostacolo
prima dello stretto passo del dente del drago
che conduce dentro la valle

I rettili umanoidi sono troppi
per poterli affrontare a viso aperto
il nostro piano è di oltrepassare il villaggio
con il favore della notte, evitando il sentiero principale
addentrandoci nel cuore della foresta

L'idea sembra funzionare, la vegetazione è fitta ma avanziamo.
Ad un tratto ci imbattiamo in un gruppo di uomini lucertola
a caccia di prede nella notte. Ci fermiamo per non fare rumore.

Uno di loro improvvisamente sbuca da dietro un'albero:
ci nota, sembra sorpreso, siamo armati e pericolosi.
Sta per allontanarsi quando nota il pugnale ricurvo
che pende dalla cintura di Fir

Strabuzza gli occhi: lo riconosce e, indicandolo,
anticipa ogni nostra reazione emettendo un grido acuto
che rieccheggia nelle tenebre per tutta la foresta

Capiamo subito di essere in grande pericolo
Track Name: The rage of the lizard men tribe
THE RAGE OF THE LIZARD MEN TRIBE

We run forward without wasting time
but the lizard men are faster than us
on the rough terrain of the forest

Many humanoid reptiles come, armed with spears and slings
the whole village has now mobilized
We stab some blows to open the way.

But soon they surround us: we are stuck.
Illuminated by their torches and kept far by their spears,
we wait with weapons in our hands for a neverending while

Will we die here, torn to pieces and eaten by these creatures?
We are ready, desperate, to fight until the end
when Zothen unexpectedly casts a spell

The illusion of a huge fire that blazes in the forest,
misleads our enemies, who disperse,
opening the way for escape.

After a few minutes of breathless run
we pass a narrow gorge:
it's the Dragon's Teeth, we're safe.

As we continue to run with our heart in our throat
we realize that the way back is now precluded
and we don't even notice the eyes of
a mighty white dragon watching us
through the darkness from the top of the mountain

---

L'IRA DELLA TRIBU' DEGLI UOMINI LUCERTOLA

Corriamo in avanti cercando di non perdere tempo
ma i rettili umanoidi sono più veloci di noi
sul terreno accidentato della foresta

Ne arrivano a decine, armati di lance e fionde
tutto il villaggio si è ormai mobilitato
Sferriamo qualche colpo aprendoci la strada.

Ma presto ci circondano: siamo bloccati.
Illuminati dalle loro torce e tenuti a distanza dalle loro lance,
attendiamo armi in pugno per un istante, che sembra durare l'eternità

Moriremo così, fatti a pezzi e sbranati da queste creature?
Siamo pronti, disperati, a vendere cara la pelle
quando Zothen lancia inaspettatamente un incantesimo

L'illusione di un enorme incendio che divampa nella foresta,
trae in inganno i nostri nemici, che si disperdono,
aprendoci la via per la fuga.

Dopo pochi minuti di corsa senza fiato
oltrepassiamo una stretta gola:
è il passo del dente del drago, siamo salvi.

Mentre continuamo a correre con il cuore che ci batte all'impazzata
capiamo che la strada del ritorno ora ci è preclusa
e non notiamo nemmeno gli occhi di
un possente drago bianco che ci osservano
attraverso le tenebre dall'alto della montagna
Track Name: Resting on the shores of the dark lake
RESTING ON THE DARK LAKE SHORES

On the lake shores, the heart of the valley
we find a safe place to rest

"The rage of the lizard men tribe had a reason:
they just wanted to revenge their dead.
We should have bargained a toll, it would have been wiser"
Sarohma murmurs, as we try to recover
from the escape anxiety

"Do you want to speak with those hungry creatures?
I do not think so" Bloodwyn replies

"Put us in danger again"
says Viktor to Fir
"and I'll cut your head"

Fir remains silent, thoughtful,
turning over into the right hand
the knife with a curved blade, finely finished.
Too much, to belong to a so coarse creatures

We observe the calm waters of the lake:
dark depths, which seem to hide
terrible omens of death

---

ACCAMPATI SULLE RIVE DEL LAGO OSCURO

Sulle rive del lago, fulcro della valle
troviamo un luogo sicuro dove accamparci

"L'ira degli uomini lucertola era motivata:
volevano solo vendicare i loro morti.
Sarebbe stato più saggio contrattare un pedaggio"
mormora Saroma, mentre cerchiamo di riposare
dalla frenesia della fuga.

"Con quelle creature affamate di carne umana?
Non credo proprio" le risponde Bloodwyn

"Mettici in pericolo un'altra volta"
dice Viktor rivolto a Fir
"e ti taglio la testa"

Fir resta in silenzio, pensieroso,
rigirandosi nella mano destra
il coltello dalla lama ricurva, finemente rifinito.
Troppo, per appartenere a creature tanto rozze

Osserviamo le acque calme del lago:
profondità scure, che sembrano nascondere
terribili presagi di morte
Track Name: The forest of arcane secrets
THE FOREST OF ARCANE SECRETS

It is said that the forest along the west lake shore
hide the most terrible secrets
of forgotten eras and of men's past lives

A hermit lives here,
a wise and crazy man at the same time.
We want to meet him,
though we don't know if he will share his knowledge with us,
or if he possesses riches that we can conquer.
But it is said that he is an enigmatic
unpredictable and very dangerous man

We march in the enchanted forest
while we ask ourselves what will await us
in this undergrowth with ancestral forms
and shining surreal colors

---

LA FORESTA DEGLI ARCANI SEGRETI

La foresta che costeggia la riva ovest del lago
si dice nasconda i più terribili segreti
di ere dimenticate e delle vite passate degli uomini

Qui pare che viva un eremita,
un uomo saggio e pazzo in egual modo.
Che ci renda partecipi del suo sapere,
o che possieda ricchezze da conquistare
abbiamo intenzione di incontrarlo.
Ma si dice anche che sia enigmatico
imprevedibile e molto pericoloso

Proseguiamo nella foresta incantata
mentre ci domandiamo cosa ci aspetterà
in questo sottobosco dalle forme ancestrali
e dai lucenti colori surreali
Track Name: Echoes of forgotten tales
ECHOES OF FORGOTTEN TALES

There is nothing left, not even a memory,
about heroes who have been flesh and blood
torn by burning emotions

In a moment we seem to relive
blurred visions of buried achievements
by the weight of a distant past

The magical nature of this forest
puts us into contact
with the forgotten lives of men

What will we become
in front of the ineluctable turn
of the centuries?

---

ECHI DI STORIE DIMENTICATE

Di eroi che sono stati carne e sangue
lacerati da emozioni brucianti
non esiste più nulla, neppure il ricordo

In un istante ci sembra di rivivere
visioni sfocate di gesta sepolte
dal peso di un passato lontanissimo

La natura magica di questa foresta
ci mette in contatto
con le vite dimenticate degli uomini

Che ne sarà di noi
all'ineluttabile volgere dei secoli?
Track Name: The meeting with the mad hermit
THE MEETING WITH THE MAD HERMIT

On the slopes of the mountains
we find an ancient tree
with an enormous hollow trunk
Sarohma tells us to wait
and advances with her hands raised in peace

Suddenly, between her and the rest of the party,
the profile of an old man magically appears
dressed in a simple tunic.
His face is painted with arcane and incomprehensible symbols.
Sarohma turns, instinctively putting a hand on the weapon

"You are looking for answers, but the truth is not for sale, it must be conquered"
His voice is profound, but he has something sinister
"I threw a curse on you, you'll die soon"

Sarohma feels a strange sense of unease
"We're not here to fight" she replies,
trying to calm herself
"but to understand reality beyond appearance"

"Adventurer, if you want to face the truth,
you must be part of it:
you are here to stock up on treasures
not to acquire awareness"

Sarohma hesitates. The old man continues to speak
"At the end of the north coast of the lake, there is a cave.
Face the terrible trials, come back to me
and give me the three most precious treasures you will find.
So, you will have a piece of the truth you are looking for"

---

L'INCONTRO CON L'EREMITA PAZZO

Alle pendici delle montagne
troviamo un albero antichissimo
dall'enorme fusto cavo
Saroma ci fa segno di aspettare
e avanza con le mani alzate in segno di pace

Ad un tratto, tra lei e il resto del gruppo,
appare magicamente il profilo di un vecchio
vestito con una semplice tunica.
Il suo volto è dipinto con simboli arcani e incomprensibili.
Saroma si volta, mettendo istintivamente mano all'arma

"Tu cerchi risposte, ma la verità non è in vendita, va conquistata"
La sua voce è profonda, ma possiede qualcosa di sinistro
"Ti ho scagliato addosso una maledizione, morirai presto"

Saroma prova uno strano senso di disagio
"Non siamo qui per combattere" risponde,
cercando di apparire calma
"ma per comprendere la realtà oltre le apparenze"

"Avventuriera, se vuoi affrontare la verità,
devi essere parte di essa:
siete qui per fare incetta di tesori
non per acquisire consapevolezza"

Saroma esita. Il vecchio prosegue a parlare
"All'estremità della costa nord del lago, c'è una grotta.
Affrontate le terribili prove, tornate da me
e consegnatemi i tre tesori più preziosi che troverete.
In cambio, avrete un pezzo della verità che cercate"
Track Name: The abyss horror
THE ABYSS HORROR

Should we trust the words of the hermit?
Has he really thrown a terrible curse on Sarohma
that will kill her suddenly?

We decide to look for the cave
that the hermit told us about
but we continue to have doubts about what to do

Garandir has a strange foreboding.
Suddenly, with the corner of her eye,
she sees a black tentacle rising silently from the waters
and it tangles at Sarohma's ankle
"Look out!" she tells her, girdling her for the waist
but the obscure creature has already thrown the cleric to the ground
and it is dragging her towards the depth of the lake

A hideous being, similar to a giant octopus
rises from the waters and attacks us
with its terrible tentacles
involving us in an unexpected battle
We have just few instants because Sarohma
may soon be swallowed by water

We fight fiercely against a monstrous enemy
and his deadly tentacles and finally we manage to put it down
driving the creature back in the abyss of black water from where it came out.
Wounded and panting, we save
miraculously our companion
just a moment before seeing her drowning.

---

L'ORRORE DEGLI ABISSI

Dobbiamo fidarci delle parole dell'eremita?
Ha davvero scagliato su Saroma una terribile maledizione
che l'ucciderà all'improvviso?

Decidiamo di cercare la caverna
indicataci dall'eremita
ma continuiamo a nutrire dubbi su cosa fare

Garandir ha uno strano presentimento.
Ad un tratto nota con la coda dell'occhio
un tentacolo nero sorgere silenziosamente dalle acque e
aggrovigliarsi alla caviglia di Saroma
"Attenta!" le dice cingendola per la vita
ma l'oscura creatura ha già scaraventato la chierica al suolo
e la sta trascinando verso le profondità del lago

Un essere orrendo, simile ad un giantesco polipo
sorge dalle acque e ci attacca
con i suoi terribili tentacoli
coinvongendoci in una battaglia imprevista
Abbiamo i secondi contati perché Saroma,
potrebbe presto essere presto inghittita
dalle acque.

Combattiamo ferocemente contro un nemico mostruoso
e i suoi mortali tentacoli che riusciamo a ricacciare
nell'abisso d'acqua nera dal quale è uscito.
Feriti e ansimanti, riusciamo a salvare
miracolosamente la nostra compagna
giusto un attimo prima di vederla affogare.
Track Name: Visions in the magic cave
VISIONS IN THE MAGIC CAVE

The cave was a narrow tunnel in the darkness.
We move forward cautiously in a single row.
A weird smell confuses us
and slowly we fall into a strange trance
as we move towards the heart of the mountain.

The vision of a man, a priest with a black robe,
who laughs friendly with a party of other clerics,
dreaming of peaceful coexistence.
A solemn abbey, where men live in peace
until the arrival of a man who calls himself "the Saint"
that upsets the balance with his tyrannical thirst of power.
Then a failed conspiracy, the expulsion of the Black Priest
and his followers, a cursed talisman
that is put around his neck, leading him to madness

And finally we see ourselves,
killing the Black Priest
As in a dream, we try to shout:
"it's the talisman, no, do not kill him!"
but it's all useless: we already know what happened.

We feel a strong sense of injustice
and we would like to write again this wrong story from the beginning
...but we remain only powerless spectators
of a vivid and realistic vision

The image dissolves
when we come together
in a regular-shaped room

Is it here where everything will be accomplished?

---

VISIONI NELLA CAVERNA MAGICA

La caverna era uno stretto cunicolo nelle tenebre.
Lo percorriamo con circospezione in fila indiana
Un odore surreale ci disorienza
e lentamente cadiamo in uno strano trance
mentre avanziamo verso il cuore della montagna

La visione di un uomo, un sacerdote dalla tunica nera,
che scherza in fraterna amicizia con un gruppo
di altri chierici, sognando una convivenza pacifica.
Un'abbazia solenne, dove uomini vivono in pace
fino all'arrivo di un uomo che si fa chiamare "il Santo"
che sconvolge gli equilibri con la sua tirannica sete di potere.
Poi una cospirazione fallita, la cacciata del Sacerdote Nero
e dei suoi seguaci, un talismano maledetto
che gli viene messo al collo, portandolo alla pazzia

E infine vediamo noi stessi,
che uccidiamo il Sacerdote Nero
Come in un sogno, proviamo a gridare:
"è colpa del talismano, no, non uccidetelo!"
ma è tutto inutile: sappiamo già com'è andata.

Proviamo un forte sentimento di ingiustizia
e vorremmo riscrivere questa storia
tutta sbagliata...ma rimaniamo soltanto impotenti spettatori
di una visione vivida e realistica

L'immagine si dissolve
quando giugniamo senza rendercene conto
in una stanza di forma regolare

Che sia qui che tutto si compirà?
Track Name: The good is evil, the evil is good
"THE GOOD IS EVIL, THE EVIL IS GOOD"

We recognize the figure of the Saint
standing in the middle of the room

"I used you all to eliminate my enemies,
but now you are a problem"

Magical creatures appear
from the sides of the room:
they have human features but taller.
They approach with mechanical gestures, threatening
... they are golems at the Saint's orders!

Fighting is the only chance
for us to survive

---

"IL BUONO E' MALVAGIO, IL MALVAGIO E' BUONO"

Riconosciamo la figura del Santo
in piedi al centro della stanza

"Mi sono servito di voi per eliminare
i miei nemici, ma ora non mi servite più"

Dai lati della stanza
si animano delle creature magiche
dalle fattezze umane, alte oltre due metri.
Con gesti meccanici si avvicinano, minacciose
...sono golem agli ordini del Santo!

Combattere è l'unica possibilità
che abbiamo per sopravvivere
Track Name: The invincible one
THE INVINCIBLE ONE

Seeing his servants defeated
the Saint, dressed in a simple wizard's robe,
draws a sinister dagger of curved black steel
and moves forward against us

How can a single man be so sure
to kill six armed enemies, though wounded?
Viktor comes forward by twirling his sword
and hits him full in the throat with a strong stroke

We remain incredulous:
Viktor's sword clashes abruptly against the body of the Saint
and rebounds backwards, as if it had met some hard stone.

With an infernal sneer, the Saint launches a lunge
with his strange weapon, clashing against Viktor's armor.
It seems a weak blow but he, like a man shot dead, spits blood from his mouth
and collapses to the ground, writhing in pain.

The Saint's invulnerability clearly appears to us
when also the spells of Zothen and Garandir,
have no effects on his magical body

We fall to the ground in agony one by one
under the terrible blows of this invincible enemy.
Is this therefore the end that awaits us?

The last one left standing, Fir, in a desperate move
shows off the curved white dagger he had taken from the dead lizard man
and throws it to the Saint. It hits him in full front.

An expression of dismay, just a moment,
then the body of the Saint shatters into thousand pieces
with the acute roar of millions broken crystals

---

DI FRONTE A UN NEMICO INVINCIBILE

Visti abbattuti i suoi servitori
il Santo, vestito con una semplice tunica da mago,
sguaina un sinistro pugnale di acciaio nero ricurvo
e avanza minaccioso verso di noi

Come può un solo uomo essere così sicuro
di uccidere sei nemici armati, benchè feriti?
Viktor si fa avanti facendo roteare la spada
e lo colpisce in pieno alla gola con un fendente

Rimaniamo increduli alla vista della scena:
la spada cozza bruscamente contro il corpo del Santo
e rimbalza all'indietro,
come se avesse incontrato della dura pietra.

Con un ghigno infernale, il Santo sferra un affondo
con la sua strana arma, cozzando contro l'armatura di Viktor.
Sembra un colpo debole ma lui, come colpito a morte, sputa sangue dalla bocca
e crolla a terra contorcendosi dal dolore.

L'invulnerabilità del Santo, ci appare chiaramente
quando anche gli incantesimi di Zothen e Garandir,
sembrano non sortire alcun effetto sul suo corpo magico

Cadiamo a terra in agonia uno ad uno
sotto i colpi terribili di questo nemico invicibile.
E' questa dunque la fine che ci aspetta?

L'ultimo rimasto in piedi, Fir, con una mossa disperata
sfodera il pugnale bianco ricurvo che aveva preso dall'uomo lucertola morto e lo scaglia verso il Santo. Lo colpisce in piena fronte.

Un'espressione di sgomento, solo un istante,
poi il corpo del Santo si frantuma in mille pezzi
con il fragore acuto di milioni di cristalli spezzati
Track Name: Three dangerous artifacts
THREE DANGEROUS ARTIFACTS

"Hell of a thief, we all owe you our lives"
Viktor moans while he is still spitting blood on the ground

In the four niches of the room
we find magical weapons and precious gems.
But a well-known talisman, hanging from a nail in the wall,
attracts our attention:
how could it be here, after we returned it
to a merchant in the city at the end of our first quest?

We take the two curved knives,
one with a white blade and the other with black steel
and we bring them back to the hermit together with the talisman:
the three most precious treasures of the cave, as he had asked us.

"I hope you will make them disappear forever,
they are objects with evil power"
Sarohma speaks to him, firmly,
looking at the hermit in his eyes.

He smiles, with a completely different peaceful attitude
than our first meeting:
"It has always been my purpose.
May the visions you had in the magic cave
let you get a piece of the truth you are looking for"

Just after we say goodbye to this mysterious old man
Garandir turns one last time and exclaims
"Hermit, what's your name?"

"Once I was called Bran"

---

TRE PERICOLOSI ARTEFATTI

"Diavolo di un ladro, ti dobbiamo tutti la vita"
bofonchia Viktor mentre ancora dolorante sputa sangue a terra

Nelle quattro nicchie della stanza
troviamo armi magiche e gemme preziose.
Ma, appeso ad un chiodo nel muro, è un talismano
dall'aspetto familiare ad attirare la nostra attenzione:
com'è potuto finire qui, dopo che lo restituimmo
ad un mercante in città al termine della nostra prima avventura?

Raccogliamo i due pugnali ricurvi,
uno dalla lama bianca e l'altro di acciaio nero
e assieme al talismano li riportiamo dall'eremita:
i tre più preziosi tesori della caverna, come ci aveva chiesto.

"Spero li farai sparire per sempre, sono oggetti dal potere malvagio"
gli dice Saroma, questa volta con fermezza,
guardando l'eremita negli occhi.

Lui, con un fare pacifico del tutto diverso
dal nostro primo incontro,
sorride: "E' sempre stato il mio scopo.
Che le visioni avute nella caverna
possano avervi fatto assaggiare
un pezzo della verità che cercate"

Appena dopo esserci congedati da questo misterioso personaggio
Garandir si volta un ultima volta ed esclama
"Eremita, qual'è il tuo nome?"

"Un tempo mi chiamavo Bran"
Track Name: Under the gaze of the white dragon
UNDER THE GAZE OF THE WHITE DRAGON

It was not easy to choose a plan
but in the end we decided to offer some treasures
to the lizard men, in exchange of our passage

Garandir and Zothen come forward,
the pact is accepted
and we pass in exchange of a bag full of gold coins

Fir seems irritated,
but he understands that there is no alternative

As we pass the huts
built on the edge of the pond
under the lizard men's eyes full of grudge
we notice a shadow that stands out on the ground

We turn our heads and recognize
the shape of a white dragon in the distance
that looks at us from the top of a cliff

Bloodwyn instinctively puts his hand
on the handle of his axe
but Garandir stops him:
"He will not attack us, not now.
He just wants to tell us that he remembers us
and one day - when we will be ready -
we will face him".

---

SOTTO LO SGUARDO DEL DRAGO BIANCO

Accordarci su un piano non è stato facile
ma alla fine si è deciso di offrire dei tesori
agli uomini lucertola, in cambio del nostro passaggio

Garandir e Zothen si fanno avanti,
il patto viene accettato
e passiamo in cambio di un sacco pieno di monete d'oro

Fir sembra seccato,
ma capisce che non c'è alternativa

Mentre oltrepassiamo le capanne
costruite sul bordo dello stagno
sotto gli occhi pieni di rancore
degli abitanti del villaggio
notiamo un'ombra che si staglia sul terreno
Ci voltiamo e riconosciamo in lontananza
la figura di un drago bianco
che ci osserva dall'alto di una rupe

Bloodwyn mette istintivamente la mano
sul manico della sua scure
ma Garandir lo ferma:
"non ci attaccherà, non ora.
Vuole solo dirci che si ricorda di noi
e che un giorno, quando saremo pronti
lo affronteremo".
Track Name: Farewell adventurers (into glory ride)
FAREWELL ADVENTURERS (INTO GLORY RIDE)

Coming back home alive
from this umpteenth adventure, we think of this story,
the struggle between the Black Priest and the Saint,
Bran and the valley of forgotten secrets

We believed we were the good protagonists of this story
but maybe we were pawns of a bigger game.
Now, being able to go back, we would have acted differently.
But how could we know?

The truth, after all, is something untrustworthy
and the more you feel close to it the more you are far from it.

But, despite everything, we are sure of one thing:
that we can count on each other. On our friendship.
We are adventurers and we will continue to fight, adventure after adventure
facing the reality, even it may be horrible.

We still fight together, with loyalty, uncaring of death
that could surprise us suddenly everywhere:
in some dark dungeons,
among the most unspeakable horrors
or in the ride to glory.

---

ARRIVEDERCI AVVENTURIERI (NELLA GALOPPATA VERSO LA GLORIA)

Mentre torniamo a casa, sopravvissuti
a questa ennesima avventura, ripensiamo a questa storia
alla lotta tra il Sacerdote Nero e il Santo
a Bran e alla valle dei segreti dimenticati

Abbiamo creduto di essere i protagonisti buoni di questa storia
ma forse siamo stati pedine di un gioco più grande di noi.
Ora, potendo tornare indietro, avremmo agito diversamente.
Ma come potevamo sapere?

La verità, in fondo, è qualcosa di inafferabile
e tanto più ti senti vicino ad essa quanto più ti sfugge.

Ma, nonostante tutto, di una cosa siamo certi:
che possiano contare gli uni su gli altri. Sulla nostra amicizia.
Siamo avventurieri e continueremo a lottare, di avventura in avventura
guardando in faccia la realtà, per quanto orribile possa essere.

Assieme, con lealtà, noncuranti della morte
che potrebbe sorprenderci ovunque, improvvisa:
in qualche oscuro sotterraneo,
tra gli orrori più indicibili
o nella galoppata verso la gloria.

If you like HDK 28 † The valley of the forgotten secrets, you may also like: